Correttezza e trasparenza, Codice di comportamento dei dipendenti pubblici

LogoMinisteroInterni

E' entrato in vigore il 19 giugno 2013 il nuovo Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n.62) che definisce i doveri di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare.

 

Il D.P.R. n. 62 del 16 aprile 2013, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 4 giugno 2013, abroga il precedente “Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni”, già approvato con Decreto del Ministro per la Funzione Pubblica del 28 novembre 2000.

 

L’Amministrazione, contestualmente alla sottoscrizione del contratto di lavoro o, in mancanza, all’atto di conferimento dell’incarico, è tenuta a consegnare e far sottoscrivere ai nuovi assunti copia del codice di comportamento.

 

Si evidenzia che la violazione degli obblighi previsti dal codice di comportamento, integra condotte contrarie ai doveri d’ufficio per le quali sono applicabili le sanzioni disciplinari previste dalla legge, dai regolamenti e dai contratti collettivi, comprese quelle espulsive.

Utilizziamo cookie per il funzionamento del sito. Proseguendo con la navigazione acconsenti all’uso dei cookie